Santadi e dintorni

Santadi dalle origini all'età classica

Santadi affonda le radici nell'epoca prenuragica e nuragica, come attestato dai reperti di Sanna, de S'Ossiga, de su Schisorgiu, Pimpini e Senzu. Dal 1000 a.C. subentrarono nella zona fenici e punici, mentre dal terzo secolo fecero la loro comparsa i romani

Il territorio di Santadi, comune del basso Sulcis, è abitato fin dalla preistoria e vanta resti di insediamenti risalenti al periodo prenuragico: in particolare vanno ricordati degli idoli femminili in osso raffiguranti la Dea Madre risalenti a tremila anni prima di Cristo. Ben più corposi sono i reperti riconducibili all’età nuragica, tra cui la Tomba Dei Giganti di Barrancu Mannu in granito e i nuraghi di Sanna, de S'Ossiga, de su Schisorgiu, Pimpini e Senzu. Il monumento più rilevante è probabilmente il Tempio nuragico di Su Benatzu, posto nelle vicinanze delle Grotte Is Zuddas, con numerosi resti in ceramica e metallo.

L’orizzonte politico di Santadi cambiò radicalmente intorno al 1000 a.C. grazie all'immigrazione di punici e fenici, popoli commercianti che stabilirono delle colonie costiere e si inoltrarono anche nell’entroterra dando luogo a scontri con le comunità nuragiche. Il sito più importante risalente a questa fase storica è Pani Loriga, insediamento abitativo posto su una collina e provvisto di una necropoli.

Il 238 a.C. rappresenta una data spartiacque per la Sardegna: grazie alla Prima guerra punica i romani conquistano l’isola e ovviamente Santadi non fa eccezione. Le testimonianze di quest’epoca includono le note terme di Is Figueras, vicino Pantaleo, e un tempio su cui è stata poi eretta la chiesa di Sant'Agata e di cui rimane solo un capitello corinzio ed una lapide con un’iscrizione in latino. La presenza romana durò per secoli, fino al 456 d.C, allorché la Sardegna venne conquistata dai Vandali.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.