Enogastronomia

Pane, dolci e vino a Santadi

La tradizione culinaria del paese del Sulcis è ricca e rinomata: prodotti del territorio, dai vini alla preparazione del pane, senza dimenticare i dolci alle mandorle

Viene l'acquolina in bocca quando si parla dei prodotti alimentari di Santadi. Il paese del Sulcis, conosciuto per il Matrimonio Mauritano e per la sua vicinanza alle grotte di Is Zuddas, possiede una tradizione alimentare che vede il vino, il pane e i dolci far da padroni nel panorama della regione del sud Sardegna.

Conosciuto a livello internazionale il Carignano del Sulcis: vino che assume diverse sfumature di rosso, si beve accompagnandolo a carni e formaggi. È un vino DOC (DOP), che per la sua produzione deve seguire ferree regole, disciplinato proprio per preservarne le sue qualità organolettiche.

A Santadi e nel basso Sulcis vengono, poi, prodotti diversi tipi di pane. Tra i più conosciuti il Civraxiu e Su Coccoi. Queste due tipologie di pane sono particolari: Su Civraxiu ha una parte esterna croccante, e un interno ben lievitato. Di forma circolare, tradizionalmente veniva mangiato dai contadini. Oggi è una prelibatezza, che se prodotto nei forni a legna e con gli ingredienti del territorio mantiene intatta la sua squisitezza. Il Coccoi, anch'esso una tipologia di pane classica del territorio isolano e di quello del Sulcis, richiama antiche tradizioni legate alla religiosità - utilizzato nel periodo pasquale, ad esempio - e alla forma caratteristica, quasi un'opera d'arte per via di quelli che sembrano ghirigori fantasiosi.

La mandorla è un prodotto utilizzato copiosamente in cucina per preparare i dolci: ad esempio, in Sardegna e nel Sulcis si usano per gli amaretti e i gueffus, palline dolcissime racchiuse da una carta velina colorata. Le pardule, invece, vengono preparate con la ricotta: un sublime connubio tra la lavorazione del formaggio e la maestria dei pasticceri locali.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.